Vinci, la mossa del Comune a sostegno di cittadini e aziende: “Agevolazioni per la Tari e il canone unico per i dehors”

Vinci, la mossa del Comune a sostegno di cittadini e aziende: “Agevolazioni per la Tari e il canone unico per i dehors”

L’assessore Frese: “Andiamo incontro alle esigenze di imprese, attività commerciali e famiglie”

Vinci, 7 giugno 2022 – Aumentano le agevolazioni e le riduzioni per la Tari 2022 e per il canone unico per i dehors. Ad annunciarlo è il Comune di Vinci.
Per i dehors, con deliberazione di giunta dello scorso 31 maggio, è stato stabilito per il 2022, di esonerare dal pagamento del canone unico patrimoniale per l’occupazione del suolo pubblico, nel periodo tra il 1 giugno ed il 30 settembre, i titolari di concessioni per le occupazioni permanenti di suolo pubblico in aree pubbliche o di uso pubblico relative ad attività di cui all’articolo 5 della legge n. 287 del 1991, e i titolari di concessioni per le occupazioni temporanee in ampliamento richieste in modalità semplificata ai sensi del dl 34/2020, del dl 137//2020, e legge 234/2021.

Per la Tari, con delibera del 30 maggio scorso, sono state stabilite alcune agevolazioni, per utenze non domestiche e domestiche.
Per le utenze non domestiche è stata prevista la riduzione del 35% della parte variabile Tari per cinema e teatri, alberghi e ristoranti, negozi di abbigliamento, calzature, librerie cartolerie ferramenta, parrucchieri, barbieri, pizzerie, estetisti, pizzerie, mense, trattorie, birrerie, bar, caffè, pasticcerie, discoteche, agriturismi, affittacamere e residence. Ma anche per circoli ricreativi, associazioni, impianti sportivi, palestre e agenzie di viaggio. Tali riduzioni sono subordinate alla regolarità dei pagamenti, al 31/12/2019, ed all’assenza di sanzioni o segnalazioni per conferimenti impropri e abbandono di rifiuti, registrazione di almeno uno svuotamento del contenitore dei rifiuti indifferenziati (grigio).
Per le utenze domestiche è stata prevista la riduzione del 70% della Tari per le utenze aventi reddito Isee compreso tra 5001 e 10.000 euro. In tal modo i redditi Isee fino a 10.000 euro sono esentati dal pagamento della Tari 2022.

“Si tratta di due interventi significativi per questa amministrazione e per la comunità – commenta l’assessore a Politiche fiscali, Sviluppo economico, Attività produttive Paolo Frese – Con queste agevolazioni e riduzioni vogliamo andare incontro alle esigenze di imprese, attività commerciali, associazioni e famiglie, che stanno attraversando un complicato momento storico caratterizzato dalla pandemia e dal caro energia derivante dall’assetto mondiale e dal conflitto ucraino. Alleggerire la pressione fiscale su famiglie e imprese contribuisce, nei limiti di ciò che compete al Comune, allo sviluppo del territorio” .