Ucraina, le associazioni animaliste al governo: “Disponibili ad accogliere in Italia gli equidi colpiti dal conflitto in corso”

Ucraina, le associazioni animaliste al governo: “Disponibili ad accogliere in Italia gli equidi colpiti dal conflitto in corso”

ENPA, IHP, Il Rifugio degli Asinelli, LAV, Progetto Islander e La rete dei santuari di animali liberi chiedono di consentire l’ingresso temporaneo dei cavalli provenienti dalle zone di guerra

Firenze, 11 marzo 2022 – Disponibilità ad accogliere o a trovare sistemazioni agli equidi – dunque cavalli, asini, muli, zebre – provenienti dall’Ucraina, dove è in corso il conflitto con la Russia, in modo da aprire “corridoi” anche per questa tipologia di animali.  È la richiesta delle associazioni animaliste ENPA, IHP, LAV, Progetto Islander e La rete dei santuari di animali liberi in Italia, al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e al Ministero della Salute.

“Vi chiediamo – si legge nella lettera inviati ai due Ministeri – di avanzare questa possibilità ai vostri interlocutori istituzionali in Ucraina. Considerato che il direttore della Dg Santé della Commissione europea Bernard Van Goethem ha già consentito l’ingresso agevolato degli animali da compagnia al seguito dei profughi ucraini per ragioni umanitarie straordinarie, abbiamo formulato la richiesta che venga consentito l’ingresso temporaneo agli equidi, con l’indicazione del soggetto ospitante e con la garanzia, da parte delle associazioni, dello svolgimento dei necessari accertamenti sanitari all’arrivo degli animali presso la stalla ospitante”.

La lettera è firmata da Carla Rocchi (presidente ENPA)Sonny Richichi (presidente IHP)Daniela Marzari (direttrice Il rifugio degli asinelli)Nadia Zurlo (responsabile area equidi LAV)Nicole Berlusconi (presidente progetto Islander) Dunia Azzabi (coordinamento La rete dei santuari di animali liberi in Italia).