Turismo, Property Managers Italia al Comune: “Giusto regolare gli alloggi, ma prima serve confronto”

Turismo, Property Managers Italia al Comune: “Giusto regolare gli alloggi, ma prima serve confronto”

Alessandra Signori, referente Toscana dell’associazione “In questo momento Firenze è vuota di case vacanze”

Firenze, 17 febbraio 2021-Il fenomeno delle locazioni turistiche va sicuramente regolato, ma non vietato. Qualunque forma di blocco porterebbe a caos e situazioni in nero“. Dopo le parole del sindaco di Firenze Dario Nardella, interviene Alessandra Signori, referente per la Toscana di Property Managers Italia (associazione nazionale di categoria del turismo residenziale). “Vietare in modo cieco e non armonico sarebbe controproducente per lo scopo che si vuole ottenere. Bisogna introdurre delle norme in modo tale che i professionisti di questo settore possano operare nella massima trasparenza, correttezza e serenità. Questo è l’obiettivo che deve avere sia il Governo, sia il Comune di Firenze. Nessuna guerra, ma un cambiamento costruttivo assieme a gli imprenditori. Non si può decidere senza prima ascoltare i lavoratori, partendo per altro da analisi di mercato ormai vecchie e superate. Occorre un confronto“.

“Ricordiamo all’Amministrazione che il 15 febbraio del 2020 aveva organizzato convegni per denunciare il problema dell’overtourism, appena cinque giorni prima della più grande crisi del turismo. In questo momento Firenze è vuota di case vacanze – conclude Signori -. Un terzo degli alloggi extra alberghieri ha abbandonato il settore. Non capiamo cosa intenda il sindaco Nardella quando dice di voler limitare un ramo che è già stato ristretto dalla crisi. Siamo d’accordo a regolamentare, ma deve essere fatto insieme all’associazione e agli imprenditori. Nessuna scelta dall’alto che favorisca solo le grandi compagnie alberghiere”.