Stadio, l’Ordine degli Ingegneri: “Ora la sfida è tenere insieme velocità e qualità di realizzazione”

Stadio, l’Ordine degli Ingegneri: “Ora la sfida è tenere insieme velocità e qualità di realizzazione”

Il presidente Fianchisti: “Aspettiamo di vedere il progetto vero e proprio, in particolare le soluzioni per la mobilità e i parcheggi: partita centrale per la città”

Firenze, 8 marzo 2022 – “Il progetto che ha vinto il concorso per la riqualificazione dello stadio e di Campo di Marte sembra avere due caratteristiche molto positive: il buon inserimento paesaggistico e la sostenibilità ambientale. Nella realizzazione dell’opera sarà fondamentale mantenerle e valorizzarle, usando materiali e soluzioni all’avanguardia”.

Così il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Firenze, Giancarlo Fianchisti, commenta l’esito del concorso internazionale lanciato da Palazzo Vecchio sul restyling del “Franchi” e dell’area circostante.

Aspettiamo di poter visionare per bene gli elaborati più dettagliati del progetto per poterlo giudicare – dice Fianchisti – perché ieri di fatto abbiamo visto solo un rendering. E aspettiamo di vedere le concrete soluzioni per la mobilità, sia per quanto riguarda i percorsi per le auto private che la linea della tramvia che arriverà a Campo di Marte, e per i parcheggi: una partita centrale non solo per il quartiere e i frequentatori dello stadio ma per tutta Firenze”.

Quel che ci preme sottolineare – conclude il presidente dell’Ordine degli Ingegneri – è che ora a fare la differenza saranno la velocità di realizzazione dell’opera, per non perdere i fondi del Pnrr, e la sua qualità, per far diventare il Franchi un antico stadio moderno e Campo di Marte un quartiere più vivibile per tutti e soprattutto per gli abitanti”.