Sicurezza nelle scuole, l’Ordine degli Ingegneri torna tra i banchi

Sicurezza nelle scuole, l’Ordine degli Ingegneri torna tra i banchi

Domani evento finale del progetto nazionale con la ministra dell’Istruzione Azzolina

Firenze, 15 dicembre 2020 –  La sicurezza è una cosa da ragazzi. Il progetto pilota “La Sicurezza a partire dai banchi di scuola”, promosso dal Ministero dell’Istruzione e dal Consiglio Nazionale Ingegneri  nasce per diffondere la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro partendo dalle materie curriculari. Ha coinvolto 10 Ordini provinciali, 10 scuole e 10 città, tra cui Firenze con l’Ordine degli Ingegneri della provincia  e la classe ID della scuola secondaria di primo grado Piero della Francesca. 

Domani è in programma la manifestazione conclusiva dell’iniziativa che si è svolta nell’anno scolastico 2019-20 (con alcuni stravolgimenti causa emergenza sanitaria). Nel rispetto delle misure anti Covid l’evento sarà on line dalle ore 10. Dopo i saluti di Lucia Azzolina, ministra dell’Istruzione, e di Armando Zambrano, presidente Cni, sono previsti gli interventi di Gaetano Fede, Gianluca Giagni, componente Cni del Comitato di Coordinamento del Progetto, Maurizio Vicaretti, componente Cni del Comitato di Coordinamento del Progetto, Paolo Sciascia della Direzione Generale per lo Studente, l’inclusione e l’ordinamento scolastico del Ministero dell’Istruzione. Per l’Ordine degli Ingegneri di Firenze, parteciperanno il presidente Giancarlo Fianchisti e la formatrice referente del progetto Maria Francesca Casillo, e gli altri due formatori, Luca Bartolini e Francesco Bigi. Saranno presentati i 10 “safety project”, tra cui quello fiorentino, e verranno premiati i vincitori.

“La sicurezza spesso viene percepita come qualcosa di estraneo alla vita quotidiana, invece fa parte delle azioni che compiamo ogni giorno, a scuola, a casa, sul posto di lavoro, nel tempo libero – affermano Giancarlo Fianchisti e Maria Francesca Casillo – Questo progetto ci permette di diffondere sempre più la cultura della sicurezza tra i cittadini, partendo dai giovani, educandoli ad una maggiore consapevolezza dei comportamenti sicuri da adottare ora e quando saranno adulti, coinvolgendoli attivamente in progetti che toccano trasversalmente tutte le materie scolastiche”.