Rincari, Confartigianato Firenze: “Situazione insostenibile, anche in Toscana costo dell’elettricità salito del 24%”

Rincari, Confartigianato Firenze: “Situazione insostenibile, anche in Toscana costo dell’elettricità salito del 24%”

Il segretario generale Jacopo Ferretti lancia l’allarme per le piccole imprese: “Per il gas serve tetto al prezzo”

Firenze, 22 giugno 2022. E’ necessario affrontare subito l’emergenza dei rincari di energia e gas perché la situazione sta sfuggendo di mano. E a pagare saranno le piccole imprese, che sono tante in Toscana”.

A dirlo è il segretario generale di Confartigianato Imprese Firenze Jacopo Ferretti in riferimento agli aumenti di elettricità e gas. Per l’elettricità il rincaro in Italia è pari al +23,8%, a fronte del +2,1% di Francia e Germania.

“In Toscana – continua Ferretti – i dati sono purtroppo in linea con quelli nazionali. È necessario mettere un tetto al prezzo del gas. Serve un intervento rapido, altrimenti le aziende italiane ben presto saranno in ginocchio. In Toscana abbiamo un consorzio, Multienergia, che sta dando un contributo concreto: in parte il consorzio è riuscito ad ammortizzare gli aumenti. Naturalmente non sono stati azzerati, ma è comunque uno strumento di Confartigianato per artigiani, commercianti e famiglie. È ovvio che serve poi un intervento centrale: da questo punto di vista è giusto chiedere l’annullamento degli oneri generali del servizio elettrico anche per il terzo trimestre di quest’anno. Salvare le imprese significa salvare il lavoro di migliaia di persone, evitare problemi a tante famiglie: il tempo delle parole è finito”.