Lavoro, Confcooperative Toscana alla Regione: “Ascoltare di più la voce delle nostre coop”

Lavoro, Confcooperative Toscana alla Regione: “Ascoltare di più la voce delle nostre coop”

Consegnato a Giani lo “spartito cooperativo”, otto richieste da parte dell’associazione: dalle misure contro il caro energia alle opportunità del Pnrr per le imprese

Firenze, 14 febbraio 2022 – Otto “note” da suonare, dalle misure straordinarie per far fronte al caro energia agli investimenti sulle reti di assistenza primaria: una polifonia capace di valorizzare il mondo della cooperazione come elemento chiave per uno sviluppo sostenibile e inclusivo. E’ questo il messaggio lanciato da Claudia Fiaschi, presidente di Confcooperative Toscana, all’assemblea regionale dell’associazione che rappresenta 700 cooperative toscane, con 50 mila soci e oltre 22mila addetti, a cui si aggiungono le 15 banche di credito cooperativo con i suoi 11,5 miliardi di raccolta e 9,5 di impieghi.

All’iniziativa, che si è svolta al Teatro Niccolini di Firenze, hanno partecipato Eugenio Giani, Presidente della Regione Toscana; Maurizio Gardini, Presidente Nazionale di Confcooperative; Giuseppe Salvini, Segretario generale della Camera di Commercio di Firenze; Nicola Sciclone, Direttore dell’Irpet; Matteo Spanó, Presidente della Federazione Toscana Banche Credito Cooperativo.

“Siamo convinti che l’economia cooperativa – ha affermato Fiaschi nella sua relazione – debba essere considerata un pilastro del modello di sviluppo economico della Toscana non tanto in virtù del suo impatto economico, ma soprattutto per la sua rilevanza in termini di coesione sociale, di mobilitazione del protagonismo imprenditoriale di cittadini e cittadine, un fenomeno che rimette nelle mani dei toscani i destini di sviluppo della nostra regione. Un valore quello dello sviluppo locale e dell’economia di prossimità che deve tornare centrale anche nella programmazione e e nelle politiche di sviluppo del territorio”.

Fra gli esempi di come le virtù cooperative già oggi esprimano in Toscana le loro potenzialità, Fiaschi ha citato l’esperienza delle cooperative di comunità nelle aree interne, il ruolo delle coop sociali e sanitarie nel welfare regionale, il ruolo della cooperazione nell’agricoltura e nella pesca, l’offerta di finanza di comunità messa in campo dalle Bcc, il ruolo delle cooperative nell’ambito della cultura e del turismo, la risposta alla domanda di protagonismo imprenditoriale di giovani e donne.

Tuttavia, ha evidenziato la presidente di Confcooperative, il contesto attuale è segnato da criticità legate agli effetti di questa ennesima crisi: l’erosione patrimoniale delle cooperative e il conseguente affanno economico e finanziario, la crisi delle competenze, e in primis la crisi energetica che rischia di pregiudicare la sostenibilità di attività e progetti di investimento. “La crescita del costo dell’energia elettrica del 370% nel 2021 e del 300% del gas – ha affermato – nonostante gli interventi statali volti a calmierarne gli effetti, genera costi insostenibili per famiglie ed imprese e rischia di generare da qui a pochi mesi la chiusura di molte delle nostre cooperative”.

Ecco dunque le “note” che Confcooperative vorrebbe vedere suonare in Toscana. Dalla riattivazione della consulta e della conferenza della cooperazione previste dalla legge quadro sulle cooperative a misure di sostegno per capitalizzazione e finanza dedicata alle cooperative; dagli investimenti sui temi della formazione professionale per consentire alle imprese di affrontare rapidamente i processi di ricambio generazionale e dotarsi di competenze indispensabili, alla messa in discussione di politiche di internalizzazione di alcuni settori (in primis utilities e cultura, ma anche in ambito sociosanitario ed educativo); dalla coprogettazione pubblico-cooperative in ambito sociale e culturale ad una riflessione su come il Pnrr e la programmazione comunitaria possano rendere disponibili risorse e iniziative a supporto dei piani di investimento e innovazione delle nostre imprese; dalla centralità di servizi come la logistica in un mercato sempre più interconnesso, alla revisione delle regole sull‘affidamento dei servizi in ambito sociale con l’apertura di un tavolo tecnico ad hoc.