Giuseppe Gori confermato alla presidenza di Confcooperative Toscana Nord 

Giuseppe Gori confermato alla presidenza di Confcooperative Toscana Nord 

I territori di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa-Carrara, Pistoia e Prato hanno confermato alla guida il Presidente della cooperativa CAP di Prato.

Firenze, 22 luglio 2020 – Nel periodo di emergenza sanitaria si è tenuta l’Assemblea on line dell’Unione interprovinciale di Confcooperative Toscana Nord che comprende la parte nord del territorio regionale. “Lavorare in cooperativa significa lavorare insieme. Per questo vogliamo dialogare con tutte le categorie, le organizzazioni sindacali e con le istituzioni, con le forze politiche di qualsiasi connotazione”, dichiara Giuseppe Gori, confermato alla presidenza di Confcooperative Toscana Nord. “Sostenibilità ambientale, efficienza sociale, adattamento ai cambiamenti socio economici saranno elementi centrali per il futuro, anche a seguito dell’emergenza Covid che li ha resi ancor più urgenti. È la cooperazione che, più di altri tipi di impresa, deve raccogliere le sfide dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale, con l’intento di comunicare la propria capacità di creare lavoro sia per i soggetti più deboli sia per importanti professionalità in nuovi settori economici. Tutti elementi che fanno parte del DNA del cooperatore”.

L’unione si fonda su 475 imprese cooperative a ruolo, suddivise per settore: 52 cooperative nel settore cultura, turismo e sport; 31 in abitazione; 38 settore agroalimentare, di cui 2 nel settore pesca; 20 cooperative tra consumo ed utenza; 104 in ambito lavoro e servizi; 202 cooperative sociali; 15 in servizi sanitari;  una mutua; 10 banche di credito cooperativo. Imprese che esprimono insieme un valore della produzione che è cresciuto negli anni da circa 979 milioni di euro del 2016 a 1.400 milioni di euro del 2019. Nel 2016 i soci erano circa 38.000 (escluse le BCC), mentre nel 2019 si contano 33.036 unità; gli addetti da circa 16.100 del 2016 passano a 18.335 del 2019.

“È certo che questi dati di crescita subiranno un forte contraccolpo nel 2020, ma, allo stesso tempo, testimoniano che nei primi 4 anni di vita della nuova Unione, che racchiude le 6 province toscane della parte settentrionale, il lavoro svolto sia stato proficuo – dichiara il presidente Gori – Il titolo dell’assemblea “Costruttori di Bene Comune” è un richiamo ai nostri valori di lavoro dignitoso, crescita economica e valorizzazione dei giovani, sottolinea un concetto importante: le cooperative sono imprese, con una forte responsabilità sociale”. “Tanto abbiamo fatto in questi anni anche grazie all’aiuto dei Presidenti dei Comitati Provinciali e sui quali conto ancora per le sfide del futuro”, chiude Gori.