Comune di Vinci, divieto di accensione di fuochi all’aperto fino al 28 gennaio

Comune di Vinci, divieto di accensione di fuochi all’aperto fino al 28 gennaio

E’ il contenuto dell’ordinanza firmata dal sindaco Giuseppe Torchia dopo la comunicazione di Arpat sull’ingresso del territorio nel livello di criticità 2 per la qualità dell’aria: “Privilegiare l’uso del mezzo pubblico”.


Vinci, 25 gennaio 2022 – Divieto di accensione di fuochi all’aperto e abbruciamenti di sfalci, potature, residui vegetali fino al 28 gennaio. È il contenuto dell’ordinanza firmata dal sindaco di Vinci (Firenze) Giuseppe Torchia in seguito alla comunicazione di Arpat relativamente al superamento del livello di criticità 2 per la qualità dell’aria nella zona “Comprensorio del Cuoio di Santa Croce sull’Arno”.
L’ordinanza invita “alla limitazione dell’utilizzo dei mezzi privati di trasporto, privilegiando l’uso del mezzo pubblico o altri mezzi di trasporto a basso impatto ambientale, e all’uso dei mezzi pubblici”. Questo si è reso necessario perché, come evidenziato da Arpat, sono stati rilevati quattro superamenti del valore limite per la media giornaliera del Pm10 negli ultimi sette giorni.

L’ordinanza potrà essere replicata, fino al 31 marzo, ogni volta che Arpat darà conto del raggiungimento del livello di criticità 2 per l’area di Vinci.
“I valori di Arpat – ha detto il sindaco Torchia – sono chiari e non lasciano spazio a dubbi: per questo ho emanato l’ordinanza, sono sicuro che tra la cittadinanza prevarrà senso di responsabilità, come già accaduto in passato. Il nostro Comune è da sempre impegnato in modo prioritario a garantire la salute dei cittadini ed evitare l’esposizione agli inquinanti delle fasce più sensibili della popolazione. So che ci sarà la massima collaborazione da parte di tutti: invito a privilegiare l’uso del mezzo pubblico”.