Carrara, scritte intimidatorie contro Confindustria dopo manifestazioni del 1° Maggio

Carrara, scritte intimidatorie contro Confindustria dopo manifestazioni del 1° Maggio

Venturi: “Risultato di una lunga campagna di odio strumentale nei nostri confronti”

Carrara, 2 maggio 2022 – Scritte di minaccia su una facciata di una delle principali strade del centro di Carrara, a caratteri cubitali di colore rosso, sono comparse ieri sera, intorno alle 22.30, a margine delle celebrazioni per il 1° Maggio. Le intimidazioni riportano le frasi “Odio i ricchi” e “Confindustria assassini”.

“E’ di tutta evidenza – dichiara il presidente di Confindustria Matteo Venturi – come questo sia il frutto più lampante di una campagna di odio strumentale e gratuito intrapresa da troppo tempo nei nostri confronti. Si tratta di intimidazioni che ricordano da vicino i fatti ai quali abbiamo già dovuto assistere a Torino, qualche settimana fa”.

“Dalle prime ricostruzioni – precisa Venturi – sembrerebbe che le scritte siano state fatte da un gruppo di persone rimaste in zona dopo le celebrazioni per la festa del lavoro. La sigla è inequivocabile, ma attendiamo che vengano rintracciati”.

“Confindustria Massa Carrara – conclude – non può che dirsi profondamente amareggiata dal ripetersi di simili fenomeni, specie nel giorno della Festa del Lavoro. Il nostro impegno è costantemente teso alla creazione di nuove opportunità occupazionali e di crescita per il territorio. Una sfida che viaggia in parallelo con la tutela e il rispetto dei lavoratori. Ecco perché minacce del genere, seppur opera di isolati gruppi che vorrebbero rievocare una anacronistica lotta di classe, ci feriscono ancora di più. Disinnescare tutti insieme questa rabbia ingiustificata nei nostri confronti è il primo passo per recuperare un clima sereno”.