CALLforCRAFT, 12 artigiani fiorentini a ‘scuola’ di digitalizzazione

CALLforCRAFT, 12 artigiani fiorentini a ‘scuola’ di digitalizzazione

I vincitori del bando già al lavoro con attività formative e di mentoring per potenziare la loro presenza online. Gianassi: “Un’opportunità importante di sviluppo per l’artigianato”. Terrazzi: “Come incubatore early-stage, abbiamo accolto con grande entusiasmo la partecipazione al progetto internazionale europeo CRAFTS CODE in partenariato con il Comune”


Firenze, 10 novembre 2021Sostenere l’artigianato puntando sull’innovazione tecnologica: grazie alla “CALLforCRAFT” sono 12 gli artigiani fiorentini selezionati per partecipare al progetto di formazione digitale e mentoring avanzata cofinanziato dal Programma europeo Interreg. Le 12 attività che hanno vinto la possibilità di partecipare al bando hanno iniziato un percorso che le porterà a migliorare la loro presenza online attraverso l’ottimizzazione dell’utilizzo dell’e- commerce, dei social, e di tutti gli strumenti digital che possono sostenere lo sviluppo di impresa.

“Questo progetto rappresenta un’opportunità importante per queste aziende artigiane – ha detto l’assessore al commercio e alle Attività produttive Federico Gianassi – perché attraverso il sostegno di Murate Idea Park verrà favorito un nuovo approccio allo sviluppo dell’artigianato che si radica nella tradizione ma guarda anche al futuro avvalendosi di strumenti innovativi. D’altronde l’artigianato è un pezzo fondamentale della filiera lavorativa, economica e culturale della città e merita di essere sostenuto anche con progetti che lo proiettano nel futuro”.

L’approvazione dell’azione pilota CALLforCRAFT da parte del segretariato europeo è infatti un grande successo non solo perché offre l’opportunità di sperimentare una metodologia diversa sul territorio, ma anche perché rappresenta un esempio che sarà esportato in tutta Europa quale buona pratica virtuosa da replicare in altri territori. La CALLforCRAFT è stata aperta da Murate Idea Park, incubatore di impresa, progetto della Scuola di Scienze Aziendali e Tecnologie Industriali “Piero Baldesi”, che è il soggetto, che con il Comune di Firenze ha progettato e sviluppato l’azione pilota nell’ambito del progetto europeo CRAFTS CODE, con la finalità di valorizzare il settore dell’artigianato a livello internazionale, anche in seguito ai gravi danni che la pandemia mondiale ha causato alle PMI. Successivamente alla chiusura del bando, il team MIP (Murate Idea Park), insieme all’Assessorato alla Promozione Economica del Comune di Firenze, al Punto Impresa Digitale di Camera di Commercio di Firenze, Artex (Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana), Confartigianato Firenze e CNA Firenze, ha selezionato le 12 PMI artigiane che saranno supportate per migliorare la loro presenza online, attraverso l’ottimizzazione dell’utilizzo dell’e-commerce, dei social media e di tutti gli strumenti digital che possono sostenere lo sviluppo di impresa.

“Come incubatore early-stage, abbiamo accolto con grande entusiasmo la partecipazione al progetto internazionale europeo CRAFTS CODE in partenariato con il Comune di Firenze – ha detto il Presidente MIP&SSATI, Claudio Terrazzi – per sostenere e rilanciare l’artigianato fiorentino, fiore all’occhiello non solo della nostra città, ma di tutto il Paese e massima espressione del Made in Italy nel mondo”.

Il programma di formazione e mentoring accelerato consiste in 3 mesi di servizi e supporto alle PMI artigiane, con oltre 100 ore di formazione e sessioni individuali di mentorship verticali. Dopo il processo di valutazione sono state selezionate 12 PMI, che stanno partecipando a lezioni frontali giornaliere, sessioni pratiche e laboratori, che vedono la loro partecipazione attiva. Grazie al coinvolgimento di Fondazione Studio Marangoni e ISIA Firenze, i cui studenti affiancheranno i vincitori del bando, gli artigiani potranno avere a disposizione shooting fotografici personalizzati e studi di product development a corollario di tutta l’esperienza formativa.