Artigianato, 80 guide e 11 nuovi percorsi per “La Firenze Artigiana”

Artigianato, 80 guide e 11 nuovi percorsi per “La Firenze Artigiana”

Successo del progetto realizzato da Confartigianato con il contributo del Comune

Firenze, 25 maggio 2021   Quasi 80 guide turistiche partecipanti, 11 nuovi itinerari e un’amicizia che continuerà. Sono i primi risultati del progetto “La Firenze Artigiana – Alla scoperta dei giovani artigiani”, realizzato da Confartigianto con il contributo dell’assessorato al Turismo (e promosso sul sito ufficiale del Turismo della Città di Firenze www.feelflorence.it): percorsi rivolti alle guide turistiche per allargare le loro competenze, portandole a conoscenza non solo del patrimonio artistico e storico della città, ma anche delle lavorazioni tradizionali del territorio, di cui poi si faranno “ambasciatori” con turisti italiani e stranieri, o anche con gli stessi fiorentini. 

Un primo bilancio è stato fatto ieri in Palazzo Vecchio dall’assessore al Turismo Cecilia Del Re e dal presidente di Confartigianato Imprese Firenze Alessandro Sorani, alla presenza di alcune guide e artigiani che hanno partecipato. Nell’occasione una stampa artistica realizzata con la tecnica dell’acquaforte dalla bottega L’Ippogrifo è stata consegnata all’assessore Del Re da parte di Confartigianato Imprese Firenze a nome di tutti gli artigiani del settore artistico.

Il progetto è nato con l’obiettivo di valorizzare una Firenze alternativa rispetto a quella tradizionalmente conosciuta dando risalto anche alla componente artigianale, soprattutto alle nuove generazioni. E’ iniziato a febbraio e si è distinto in tre diverse fasi: una prima fase “formativa” rivolta alle guide turistiche, una seconda legata alla valorizzazione attraverso i canali digitali ed un’ultima fase con il coinvolgimento di blogger locali e internazionali, tesi a promuovere l’artigianato giovane. 

Visto il successo, è stato deciso di prorogarne la durata per migliorare l’esperienza fin qui acquisita e per ampliare l’offerta turistica ed al tempo stesso rafforzare un’immagine contemporanea della città nell’immaginario collettivo. 

“Oggi abbiamo voluto concludere con un momento simbolico in Palazzo Vecchio la prima fase del viaggio alla scoperta dell’artigianato fiorentino e dei suoi protagonisti under 40 promosso da Confartigianato nell’ambito del bando lanciato nei mesi scorsi dall’assessorato al Turismo per sostenere il settore in forte difficoltà – ha detto Cecilia Del Re -. Un progetto che ha un duplice obiettivo e che vogliamo rilanciare: da un lato quello di formare le guide turistiche su itinerari pensati per valorizzare itinerari meno conosciuti; dall’altro quello di far rientrare in questi percorsi i giovani artigiani, che spesso hanno difficoltà ad essere scoperti sia dai turisti che dal mercato locale”.

“Il mondo dell’artigianato artistico è parte della filiera del turismo: questo progetto, grazie al Comune di Firenze, ci ha permesso di inserire all’interno dei percorsi offerti dalle guide turistiche della nostra città i laboratori artigianali, sia le realtà storiche e le eccellenze riconosciute sia le nuove leve, che sono più numerose di quanto si possa pensare” commenta Alessandro Sorani. “La sinergia tra guide turistiche e botteghe artigiane è fondamentale per la ripartenza: è uno strumento per far conoscere ai turisti una Firenze più autentica. Auspichiamo che questa sia una collaborazione sempre più forte”.

“La nostra gratitudine va al Comune di Firenze e a Confartigianato che hanno organizzato queste visite, a piccoli gruppi in un tempo così drammatico permettendoci di conoscere queste botteghe meravigliose, varie, piene di umanità, dove lavorano padri, figli, intere famiglie” è la testimonianza della guida turistica Zdravka Ruseva. 

Firenze oggi conta oltre 1.500 artigiani con meno di 40 anni di età, in tanti casi anche stranieri, che hanno deciso di intraprendere l’attività artigiana consci di vivere in un territorio in cui si respira bellezza e sapere, ma in cui è estremamente complesso emergere in termini di visibilità. 

E’ nato così il viaggio alla scoperta delle botteghe e dei laboratori dove la storia e bellezza della città prendono la forma di cornici, mosaici, coppe in argento, accessori in pelle, profumi.