25 aprile, Acli Toscana: “Quest’anno significato particolare, ispiriamoci alle parole di Mattarella”

25 aprile, Acli Toscana: “Quest’anno significato particolare, ispiriamoci alle parole di Mattarella”

Il presidente Giacomo Martelli in occasione della Festa della Liberazione: “Non possiamo non pensare alle parole del Presidente della Repubblica: serve la pace ma la pace non è arrendersi alla prepotenza”

Firenze, 25 aprile 2022 – “Dobbiamo festeggiare con grande presenza e forza d’animo questo 25 aprile anche pensando a ciò che sta accadendo in Ucraina. In questo giorno non possiamo non pensare alle parole del presidente Mattarella: il nostro 25 aprile è un appello alla pace. E pace non significa arrendersi di fronte alla prepotenza”. 

A dirlo è  il presidente Acli Toscana Giacomo Martelli in occasione del 25 aprile.

“La Festa della Liberazione – ha aggiunto Martelli – ci riporta ai sacrifici fatti per raggiungere i diritti delle persone e la pace, dopo l’orrore del regime nazista. Non possiamo dimenticare cosa è accaduto. La Festa 2022 assume davvero un’importanza cruciale. Se c’è unità, consapevolezza, maturità, allora riusciremo a dare il giusto valore a questa data e a non scordarla mai”.